La vacanza secondo Noi.

Notizie utili Lettonia

Lettonia

Coloro che hanno chiamato la Lettonia la ‘Svizzera del Baltico’ hanno commesso un’imprecisione. Un decimo del paese, infatti, si trova al di sotto del livello del mare, a volte anche di 50 m, e il suo territorio, pianeggiante e per gran parte paludoso, affacciato sul Baltico tra le vicine nazioni Estonia e Lituania, ha ben poco di alpino. La Lettonia ha molto da offrire: Riga, la sua vivace capitale situata sulla costa, attira molti visitatori. Sebbene i lettoni siano ben propensi a costruire e a rafforzare la loro nazione, cosa normale per i popoli che hanno da poco ottenuto l’indipendenza, circa il 30% dei ‘lettoni’ sono in realtà russi; perfino a Riga il numero di persone di etnia lettone viene superato dai russi. Questa crisi di identità ha creato qualche piccolo problema, ma non ha certo impedito alla nazione, che nel corso della storia ha dovuto subire parecchi maltrattamenti, di trasformarsi rapidamente. La Lettonia è un paese che bisognerebbe visitare prima che venga preso d’assalto dai turisti.

Riga

Notizie utili

Visti
I cittadini italiani e dei restanti paesi UE possono visitare la Lettonia con la carta d’identità valida per l’espatrio o il passaporto.

Fuso orario
due ore avanti rispetto al meridiano di Greenwich, un’ora avanti rispetto all’Italia

Elettricità
220V, 50Hz

Pesi e misure
sistema metrico decimale

Feste e manifestazioni
Il primo festival della canzone nazionale si tenne in Lettonia nel 1873. Questa manifestazione è diventata, nel corso degli anni, l’evento più coinvolgente del calendario. Si tiene ogni cinque anni e culmina con un grande coro che si esibisce nell’enorme anfiteatro all’aperto della capitale. Le grandi manifestazioni di mezza estate iniziano il 23 giugno, quando la popolazione si reca in campagna per le celebrazioni in mezzo ai laghi e alle foreste di pini. Per l’occasione si preparano birre speciali, formaggi e torte e si intrecciano ghirlande di fiori ed erbe che vengono appese fuori dalle case per tenere lontani gli spiriti maligni.

Valuta
L’Euro è stato adottato in tutte e tre le Repubbliche Baltiche.
Nelle città e nei centri maggiori è facile trovare bancomat che accettano Visa e/o MasterCard/Eurocard. Alcuni si trovano all’interno degli uffici postali, ma nella maggior parte dei casi sono situati lungo le strade, fuori dalle banche o presso le stazioni degli autobus e dei treni. Le carte di credito di solito sono accettate in alberghi, ristoranti e negozi, soprattutto quelli più prestigiosi. Visa, MasterCard/Eurocard, Diners Club e Amex sono accettate tutte allo stesso modo. La carta di credito è poi indispensabile se volete affittare un’automobile.

Cultura
Il lettone è una delle due lingue di ceppo baltico appartenenti alla famiglia delle lingue indo-europee che sono sopravvissute fino ai giorni nostri. Solo poco più della metà della popolazione del paese è di madrelingua lettone. La lingua parlata nelle regioni orientali e occidentali presenta varianti dialettali rispetto al lettone corrente e corretto parlato nella parte centrale del paese.
Gli alimenti affumicati, e in particolare il pesce, sono molto diffusi in Lettonia, come i prodotti caseari, le uova, le patate e i cereali. I pesci affumicati, come la passera di mare, l’anguilla, l’aringa e la sardina sono alimenti base della dieta locale, mentre la lampreda, conservata con una tecnica particolare, è una vera prelibatezza. Le zuppe e le salsicce sono anche molto diffuse. In estate e in autunno si possono gustare ottime torte e in particolare quelle fatte con frutti di bosco freschi. La birra più bevuta è la Aldaris, l’intruglio che suscita più curiosità è il Balsamo Nero di Riga, una bevanda molto alcolica (45°), spessa e nerissima e dal gusto terribile, che è sempre stata prodotta esclusivamente in Lettonia dal 1755.

Trasporti locali
Riga ha una rete di trasporti urbani completa che comprende tram, filobus e autobus. Gli autobus e i treni (anche se in misura minore) coprono quasi tutte le destinazioni della Lettonia, anche se i servizi sono poco frequenti nelle zone meno turistiche. Sia gli autobus sia i treni sono economici e lenti. Le automobili e le biciclette sono popolari, le strade sono buone e le distanze non troppo lunghe.