La vacanza secondo Noi.

Notizie utili Iran

Documenti d’identità:
Per accedere in Iran è indispensabile il passaporto con validità residua minima di 6 mesi dal giorno d’ingresso nel paese e almeno 3 pagine libere consecutive. Inoltre non devono essere presenti sul passaporto timbri o visti dello stato di Israele.
É necessario possedere un Visto e se si desidera ottenerlo prima della partenza, è possibile richiederlo presso le Autorità Diplomatiche iraniane in Italia (con sede a Roma e Milano). Consigliamo ai viaggiatori di fare richiesta presentandosi personalmente al Consolato, almeno 2 mesi prima della partenza, per l’apposizione delle impronte digitali alla documentazione e per il pagamento degli oneri consolari.
I cittadini italiani hanno anche la possibilità di richiedere un Visto d’ingresso turistico direttamente all’arrivo in Iran, senza nessuna garanzia di ottenimento.
Per quanto riguarda i minori, dovranno essere in possesso di un passaporto individuale.

Per maggiori info visitate il sito: www.poliziadistato.it

Vaccinazioni:
Non sono richieste

Valuta:
La moneta ufficiale locale è il Rial iraniano (Euro 1 = Rial 33.000 circa). Il cambio si può effettuare in banche ed uffici di cambi presenti sul territorio. Non sono accettate carte di credito e non è possibile prelevare dai bancomat, perciò si consiglia di portare con sé contanti.

All’entrata:
É importante dichiarare all’arrivo l’ammontare dei contanti in possesso, attraverso un modulo per la dichiarazione, disponibile alla Dogana. Se non si dichiara la valuta estera, questa potrà essere confiscata. L’importazione e l’esportazione di merci verso/da l’Iran è limitata. I visitatori devono registrare gli articoli non commerciali che portano con sé su un modulo specifico (ad es. gioielli, fotocamera, computer ecc.).
É severamente vietato portare alcolici.

All’uscita:
Possono essere portati fuori dal Paese una quantità illimitata di prodotti iraniani e stranieri per un valore massimo di 160 dollari statunitensi, oltre agli articoli dichiarati sul modulo doganale.

Telefoni:
Per chiamare l’Italia dall’Iran bisogna comporre il prefisso 0039 seguito da quello della singola città. Mentre dall’Italia in Iran il prefisso è 0098, aggiungendo il prefisso delle varie località senza lo zero.
Per i telefoni cellulari si raccomanda di verificare con il proprio operatore telefonico italiano la possibilità e le modalità di utilizzo della propria sim card italiana in Iran. Nelle principali città del Paese è semplice acquistare schede (sim card) di compagnie iraniane di telefonia mobile, anche per brevi periodi.

Fuso orario:
L’Iran rispetto all’Italia è avanti di 2 ore e 30. Il fuso orario è di 1 ora e 30 se in Italia vige l’ora legale.

Il Clima:
L’altopiano iranico ha un clima tipicamente continentale con estati assai calde e secche, quando le temperature possono arrivare ai 40°C, ed inverni piuttosto freddi che possono essere accompagnati da nevicate. Le precipitazioni sono scarse e diminuiscono verso sud-est; più piovose le regioni di nord-ovest con precipitazioni anche nevose tra novembre e febbraio. Le condizioni climatiche migliorano lungo le zone costiere meridionali con clima tropicale ed inverni miti. Nelle pianure che si affacciano sul Mar Caspio il clima è invece subtropicale con escursione stagionale poco accentuata. Il periodo migliore per visitare l’Iran va da marzo a maggio e da settembre a ottobre.

Abbigliamento:
Essendo una repubblica islamica, vi sono alcune regole da rispettare: per gli uomini sono richiesti pantaloni lunghi e camicie a manica lunga. Le donne devono coprire i capelli e le spalle con foulard/scialle, indossare soprabiti lunghi almeno sopra il ginocchio e ampi in modo che non evidenzino le forme del corpo; braccia, gambe e caviglie devono essere anch’esse coperte.
É sempre necessario togliersi le scarpe prima di entrare nelle Moschee e in alcune di esse sarà fornito un chador alle signore. È consigliabile portare qualche capo pesante per la sera anche se si viaggia nei periodi climaticamente più favorevoli, o comunque un abbigliamento pesante se si viaggia d’inverno e scarpe comode.

Lingua:
La lingua ufficiale è il Farsi (persiano), inoltre sono parlate anche altre lingue etniche. La conoscenza delle lingue straniere non è molto diffusa nelle città secondarie e nella provincia; nelle principali città, invece, la conoscenza dell’inglese è più diffusa.

Corrente elettrica:
220 V, con spina a due fasi e fori tondi come in Italia.

Acquisti:
I posti migliori per gli acquisti sono i bazar di Teheran, di Shiraz e di Isfahan. Molti gli articoli interessanti: seta, tappeti persiani, (è consentito portare in aereo un solo tappeto di massimo sei metri quadrati di grandezza) oggetti in argento, tessuti ricamati, oggetti in ceramica o in vetro soffiato, oggetti smaltati o in legno intarsiato, miniature ed immancabili le spezie.

Foto e Video:
É importantissimo evitare di fotografare lungo le zone di confine e nei luoghi dove possono esserci installazioni governative civili e militari, ambasciate, uffici telefonici o posti di polizia. Si consiglia rispetto e sensibilità nel fotografare la popolazione locale ed è consigliabile chiedere il loro permesso per evitare discussioni, soprattutto se si tratta di donne.

Mance:
Generalmente la cultura delle mance non è molto diffusa in Iran. Nei ristoranti di lusso è prevista e di solito ammonta al 10% del conto. Sono consigliate per guide, autisti e custodi che aprono per voi uffici normalmente chiusi.