La vacanza secondo Noi.

Notizie utili Oman

Documenti d’identità:
Per entrare in Oman è indispensabile il passaporto con validità residua minima di 6 mesi dopo la data di ritorno.
Il visto viene rilasciato direttamente all’arrivo in aeroporto a Muscal per ogni paese Europeo ed ha un costo di circa 5 OMR (10 EUR) per i soggiorni di max 10 giorni e di 20 OMR (40 EUR) per i soggiorni di max 30 giorni. I clienti che hanno un visto UAE e vengono in Oman direttamente da Dubai via aerea o stradale via Hatta (non dà Al Ain o Abu Dhabi) non devono pagare il visto. Lo stesso vale per i clienti con visto del Qatar, che volano da Doha/Qatar.
Per quanto riguarda i minori, dovranno essere in possesso di un passaporto individuale.

Vaccinazioni:
Non sono richieste particolari vaccinazioni ma sono raccomandate per i viaggiatori le vaccinazioni standard (es. Tetano). Non c’è alcun rischio di Malaria, tranne in alcune zone remote del Musandam. E’ consigliabile consumare cibi e verdure cotte e bere acqua e bibite imbottigliate o in lattine, senza aggiungere ghiaccio. Tuttavia, il Paese è quasi del tutto esente dalla classica “dissenteria del viaggiatore”.

Salute e Cure Mediche:
Gli standard di igiene e cure mediche sono generalmente buone in Oman. Ospedali, cliniche e cliniche private si possono trovare a Muscat e nelle maggiori città del Paese. In caso di emergenza/ incidente, i turisti vengono curati solo negli ospedali pubblici. In tutti gli altri casi essi devono recarsi in cliniche private e pagare direttamente per i servizi. E’ caldamente consigliato fare un assicurazione di viaggio così da posticipare qualunque nota di pagamento relativa a cure mediche. Inoltre una vasta gamma di cure mediche e medicinali sono presenti in Oman. I turisti possono portare un kit medico di pronto soccorso o medicine da prendere regolarmente.

Valuta:
La moneta ufficiale locale è il Rial Omanita (1 Rial Omanita = 2 Euro circa). Il cambio si può effettuare in banche ed uffici di cambi presenti a Muscat e nelle cittadine più importanti del paese. Le carte di credito maggiormente accettate sono l’American Express, Visa e Diners Club specialmente nei grandi Hotels, alcuni ristoranti e negozi. Le banche sono aperte dalle 08:00 alle 12:00 dal sabato al mercoledì ed il giovedì dalle 08:00 alle 11:30 mentre sono chiuse il venerdì. Gli euro sono usualmente accettai nel Suq di Matrah (Muscat). I Bancomat sono disponibili in tutta Muscat e nelle principali città del Paese.

Telefoni:
Il sistema telefonico è ben distribuito. Telefoni pubblici e sistema di carte telefoniche sono disponibili nei negozi locali e supermarket. Telefax sono disponibili 24 ore nei principali uffici postali e maggiori hotel. Servizi Internet sono disponibili nei Cyber Cafè e nei principali hotel. Per chiamare l’Italia dall’Oman comporre lo 0039 seguito dal prefisso della località italiana con lo zero e dal numero dell’abbonato. Per chiamare l’Oman dall’Italia comporre lo 00968 seguito direttamente dal numero dell’abbonato. La rete mobile si basa sul sistema europeo GSM9000, quindi il cellulare è utilizzabile a condizione di avere un accordi di roaming. Omantel è il principale gestore di telefonia.

Fuso orario:
L’Oman rispetto all’Italia è avanti di 3 ore, 2 ore invece quando è in vigore l’ora legale. In Oman si segue l’ora solare per tutto l’anno.

Il Clima:
Il periodo migliore per visitare l’Oman è tra ottobre e aprile, con temperature medie diurne attorno ai 25 gradi. In questo periodo nell’interno le temperature notturne possono scendere anche ben sotto i 10 gradi. Durante l’estate il clima è torrido e soffocante, con temperature che superano i 40 gradi. Nella parte meridionale del paese l’estate è interessata dal ‘khareef’, la stagione delle piogge che va da metà giugno a metà settembre.

I Voli:
Collegamenti con voli di linea giornalieri da Milano e Roma per Muscat, con Emirates via Dubai, Qatar Airways via Doha, Swiss via Zurigo o Lufthansa via Francoforte. Da dicembre 2010 Oman Air ha inaugurato i propri voli diretti da Milano Malpensa.

Abbigliamento:
Indispensabile un abbigliamento pratico e comodo. Da non dimenticare costume da bagno, occhiali, copricapo, creme solari, qualcosa di pesante per la sera se si viaggia d’inverno. All’interno di alberghi e Resort sulle spiagge non ci sono di solito restrizioni, ma per le visite delle città o in tour è consigliabile un abbigliamento rispettoso, in particolare le donne dovranno indossare pantaloni e camicie con maniche lunghe. Nei mesi invernali è necessario prevedere indumenti pesanti per eventuali pernottamenti nei campi tendati fissi del deserto.

Lingua:
L’arabo è la lingua ufficiale, ma l’inglese è diffuso, data anche la presenza di molti stranieri residenti.

Religione:
La maggioranza degli Omaniti è di religione Mussulmana. Altre diverse religioni sono: Cristiana, Indu, Sikhs, Buddista ecc.

Corrente elettrica:
La tensione è di 220-240 Volts. É bene portare con sé un adattatore universale. Eventuali adattatori sono reperibili anche nei principali hotel.

Trasporti pubblici:
I taxi dall’aeroporto ed i taxi che si trovano fuori dai centri commerciali più importanti (Malls) hanno un costo fisso tra i 6 ed i 15 OMR.
I frequentati taxi bianco arancione possono semplicemente essere fermati lungo le strade, non sono provvisti di tassametro, quindi la corsa deve essere contrattata con l’autista.

Acquisti:
Ottimi i datteri di produzione locale, così come le spezie. D’obbligo poi l’acquisto di incenso, per il quale il paese è famoso, in particolare quello di Salalah, magari abbinato ad un incensiere in ceramica. Notevole l’artigianato di oro e argento. In particolare il ‘khanjar’, tipico pugnale omanita a lama ricurva, con l’impugnatura impreziosita, a volte di fattura davvero notevole. E poi le caffettiere, in bronzo o argento, ancora oggetti in ceramica, cesti intessuti con pelle, borse da cammello, stuoie in paglia di riso, fodere di cuscini. Tutti i negozi accettano pagamenti in euro o dollari americani, i principali accettano carta di credito.

La cucina:
Grazie al lunghissimo tratto di costa, la cucina omanita fa abbondante uso di pesce. Un piatto originario del sud è il rabees, squaletto bollito e poi fritto. La carne è soprattutto di montone. Forse il piatto più tipico è l’harees, preparato con grano cotto e carne bollita, condito con limetta, peperoncino e cipolla. Da assaggiare sicuramente lo shuwa, carne marinata cotta in un forno d’argilla, servita poi con il rukhal, sottile sfoglia di pane. Gli omaniti poi hanno una vera passione per i dolci: da ricordare l’halwa, dolce dalla forma allungata fatto con datteri, zafferano, cardamomo, mandorle, noci e acqua di rose. Specialità da assaggiare, il caffè aromatizzato al cardamomo. Ricordiamo che gli alcolici vengono serviti solo nei grandi alberghi.

Foto e Video:
É vietato fotografare o filmare qualunque postazione militare (polizia compresa), o luoghi pubblici strategici come aeroporti, ponti o stazioni ferroviarie. Consigliamo poi di chiedere il permesso per fotografare o filmare le persone, specialmente le donne e di evitare anche le moschee durante le ore di preghiera. Di solito è consentito fotografare o filmare l’interno di siti religiosi o archeologici, tranne se diversamente indicato da appositi cartelli.

Mance:
Le mance non sono obbligatorie in Oman ma comunque sono molto apprezzate, specialmente dal personale di servizio (usceri, portantini, domestici, autisti), che spesso hanno un salario molto basso.
I ristoranti spesso includono un coperto, ma se il servizio è buono consigliamo di dare il 10% circa.
Per gli autisti consigliamo 3-4 USD a persona / per giorno, per le guide 5-7 USD a persona / al giorno.
Per i portantini circa 1 USD per bagaglio.
Nota bene: le monete degli altri Paesi non sono consigliate nelle mance in quanto non vi è la possibilità di cambiare nella valuta corrente.