La vacanza secondo Noi.

Notizie utili Uzbekistan

Visti
I viaggiatori di nazionalità italiana devono essere muniti di visto d’ingresso che è necessario richiedere prima della partenza poiché non vengono rilasciati visti all’arrivo, scarica il modulo. Il passaporto dovrà avere una validità di almeno sei mesi al momento del rientro in Italia.

Scarica modulo richiesta visto

Vaccinazioni

Nessuna vaccinazione è obbligatoria per il turista italiano che si rechi in Uzbekistan.

Ora

Al suo arrivo in Uzbekistan il turista italiano deve spostare il proprio orologio avanti di 4 h (quando in Italia sono le 12 in Uzbekistan sono le 16), di 3 h quando in Italia vige l’ora legale.

Quando andare

Il periodo migliore per intraprendere un viaggio in Uzbekistan va da fine marzo a giugno e da settembre a metà novembre.

Da mettere in valigia
Si consiglia di portare capi comodi, scarpe comode e sandali, cappello, creme solari, una pila elettrica, posate, borraccia, coltello a serramanico, un tappo universale per lavandini perché quasi sempre manca, foto tessera e fotocopie del passaporto, farmacia da viaggio completa di tutto ciò che può essere indispensabile ma non facilmente reperibile.

Elettricità
L’elettricità è a 220 volt a 50 Hz; le prese sono di tipo europeo con due fori rotondi. é utile avere a portata di mano una pila elettrica perché le strade delle città di notte sono prive di illuminazione stradale. É da tenere presente che gli adattatori non modificano in alcun modo la tensione o la frequenza della presa ma si limitano ad adattarne fisicamente l’ingresso alle spine italiane.

Cucina
La cucina locale è semplice e abbastanza ripetitiva con piatti a base di riso, zuppe con verdure e carne di manzo o pollo, involtini di carne accompagnati da piatti di verdure e da grandi pani rotondi, morbidi e gustosi. Da non perdere sono i fagottini di pasta sfoglia con ripieni vari, carne, formaggi o verdure (samsa), cotti nei caratteristici forni a legna circolari, il riso pilaf con carne e verdure e i ravioli di pasta con ripieni sempre diversi. Quasi ad ogni pasto nei ristoranti uzbechi vi porteranno della frutta secca somigliante a piccole mandorle tostate: si tratta in realtà dei noccioli delle albicocche tostati e spaccati, buoni e gradevoli. La vodka è di prassi ad ogni pasto, ed è anche molto economica, mentre il vino è di scarsa qualità.

Moneta e carte di credito

La moneta ufficiale dell’Uzbekistan è il sum il cui cambio risulta molto aleatorio in quanto viaggia ad un’inflazione pari al 70% annuo. L’euro è ben accettato ovunque, non solo nei negozi, bar e ristoranti ma anche dalle bancarelle di souvenir, l’unico problema è che spesso il resto lo danno in sum, perciò è preferibile munirsi di tagli di euro piccoli (ad es. 10 euro) e cambiare pochissimo in sum anche perché, all’uscita dal Paese, per rivendere i sum rimasti sarà necessario mostrare le ricevute di cambio regolare. La carta di credito può risultare indispensabile per pagare il conto degli alberghi di lusso (Visa ed American Express sono le più accettate), ma altrove non è molto diffusa per cui il denaro contante risulta indispensabile.

Clima
Il clima ha carattere nettamente continentale con inverni rigidissimi ed estati caldissime, forti escursioni diurne e, nella zona pianeggiante, venti violenti. Tempeste di polvere possono verificarsi anche durante l’inverno ma sono più frequenti in primavera ed estate.

Lingua

Lingua ufficiale è l’uzbeko, molto diffuso tagiko soprattutto a Bukhara e Samarcanda, meno il russo. L’inglese è parlato nelle principali località turistiche tra gli addetti ai servizi turistici, non dalla popolazione.